giovedì 17 maggio 2012

La pagante

Questa è la storia di una persona che sacrifica la sua vita per i figli, per dar loro un futuro migliore, per dar loro i soldi per vivere, per farli studiare per poter trovare un lavoro buono, decente e retributivo..
Questa è la storia della badante dei miei nonni… nel titolo ho scritto “la pagante” perchè mia nonna, ignorante nel linguaggio perchè ha vissuto da contadina e ha studiato solo fino alla 2° elementare, non sa che si dice badante e così ha sempre detto quando ancora stava bene “ah, io non la voglio davvero la pagante!”… ora non potrebbe stare senza…
Questa signora ha intorno ai 55 anni, è rumena, vedova e ha dei figli in Romania.. è per loro che lei si trova qui… è per loro che lei guarda due anziani di 87 e 97 anni di cui una col tumore in stato avanzato e uno che ormai è talmente consumato che è diventato pelle e ossa e si sta spegnendo piano piano come una candela quasi finita..
Lei prima che morisse suo marito stava bene, faceva la signora.
Lei ora si ritrova ad accudire due anziani, che non è per niente bello come accudire i bambini,si trova a vedere cose brutte che non voglio neanche dirvi che sono la conseguenza di un tumore, lei vive con loro tutto il giorno e tutta la notte per tutta la settimana…si è lasciata libera solo mezza giornata.. lei starà lì finchè loro non moriranno, o finchè non ne potrà più di vedere quelle brutte cose…
Lei sacrifica sè stessa per i figli.. perchè non credo proprio che il suo lavoro sia bello, è molto duro, stressante, non c’è mai pausa..e in più vede la malattia, la vecchiaia… e non c’è cosa più brutta che vedere come la malattia si porta via le persone piano piano, con sofferenza…
Questo lo può fare solo una persona che è disperata..credo..no?
Che coraggio..
E nel mondo ce ne sono tantissime altre di mamme che fanno e farebbero di tutto per i loro figli…
L’amore materno è un sentimento fortissimo che ci dà delle forze che neanche sappiamo di avere….
Dopo questa riflessione devo imparare a lamentarmi di meno e spremere di più le meningi e dare il meglio di me non solo per me stessa ma anche per mio figlio…

7 commenti:

  1. Una bellissima riflessione profonda! brava ;-)

    RispondiElimina
  2. Ciao Mamma Ci, è un pò che seguo il tuo blog in sordina e devo dire che il tuo stile è unico e mi piace un sacco...

    Complimenti per il blog, molto valido!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho cliccato sul tuo nome e mi è apparso il tuo blog "voglia di studiare"!!! :) sembra fatto apposta per me...come mi hai trovata?

      Elimina
    2. Sono felice che ti piaccia, :-) è un progetto che ho fatto nascere proprio con il cuore in mano, dalla mia esperienza!

      Ti ho trovata scandagliando il web, per vedere se in giro per la rete c'era qualcuno che come me, studia e lavora o comunque ha anche altre cose da fare oltre che studiare...e fare la mamma direi che è una di queste :-)

      Spero che il mio blog aiuti molte persone...

      Resta sintonizzata allora, sto iniziando a postare contenuti più frequentemente....ho tanto da comunicare in questo settore :-)

      Ciao Mamma Ci...

      Elimina
  3. Purtroppo non pensiamo mai che ci sono persone che vivono storie e vite lontane dai propri cari...proprio noi, che siamo abituati ad avere tutto dobbiamo avere queste vite sotto gli occhi per renderci conto che esistono...che, poi, le persone fantastiche, mica siamo noi che diamo loro un lavoro, sono loro...con la loro forza, la loro dignità e i loro sacrifici...un bacio grande

    RispondiElimina

Lascia il tuo commento! Risponderò al più presto!
Grazie, Mamma Cì