lunedì 16 settembre 2013

elasticmamme?

In questo periodo, come potete notare dalla mia assenza, sono super impegnata più del solito! La tesi si avvicina, il 1 ottobre.. e per finire tutto in tempo mi sono data parecchio da fare, e sono andata spesso in facoltà in questi mesi.. e a volte sono tornata la sera, dalla mattina… trovandomi davanti la seguente scena:

  • casa disastrata con letti da rifare;
  • frigo vuoto e cena da preparare;
  • Dede necessitante di doccia, affamato, stanco e voglioso di giocare con me giustamente;
  • io stanca;
  • stendino dei panni asciutti da ripiegare in camera mia da n giorni;
  • colazione sul tavolo della cucina.

Al che mi sono chiesta: ma scusate, le mamme che lavorano tutto il giorno come fanno a gestire tutto??? Perchè se questo sarà il mio tipo di giornata per i prossimi anni, cioè tornare alle 6.30/7 la sera, dovrò organizzarmi un pò meglio… o divento super invincibile e la mattina mi alzo 2 ore prima per fare le faccende e cucinare la cena (dubito che lo farò mai) oppure trovo un’altra soluzione…

Un conto è lavorare mezza giornata e allora nell’altra metà riesci a far le cose… un altro conto è lavorare in due tutto il giorno.. sarebbe già buono tornare alle 6 del pomeriggio…

E poi altra domandina: ma le mamme che lavorano tutto il giorno, ci vanno in palestra o in piscina o a correre??? No perchè se non ricomincio a fare un pò di sport io non ce la faccio, è per questo che sono sempre stanca… stavo pensando che se iscrivo Dede in piscina posso nuotare in quell’ora che nuota anche lui… ma il corso che inizia più tardi è quello delle 4.30 e io dubito che potrò mai essere alle 4.30 in piscina… allora ne ho trovato un altro il sabato mattina e per ora lo iscriverò lì…

Sono davvero domande apocalittiche..

Staremo a vedere intanto cosa farò dopo la laurea…

qualcosa bolle già in pentola ma per ora è un segreto!

Intanto se avete consigli sull’organizzazione accetto tutto!

Grazie…

images

22 commenti:

  1. Diventi più elastica, appunto.
    Riduci i lavori al minimo, metti in ordine e riponi la biancheria mentre bolle la pasta e giochi con le mollette con tuo figlio, poi approfitti del dopo cena, del weekend e di mezz'ora un ora prima che si svegli, Al mattino.
    E chiedi aiuto al marito/papà: tu giochi con il nano, lui passa la scopa e sprepara e viceversa ecc.
    Quanto allo sport, ammetto che da quando c'è il nano, non sono più riuscita ad andare regolarmente, perché ora in pausa pranzo devo andarci prendere al nido, farlo addormentare e portarlo dai nonni.
    La sera, poi, alle sette sette e mezza deve mangiare e voglio esserci, quindi avrei al massimo una sera a settimana.
    Si sopravvive, comunque, anche se il tempo per noi in quanto donne e persone con interessi e' risicatissimo.
    Il fine settimana, cerchi di recuperare le incombenze arretrate e fare la spesa per la settimana.
    Io prodotti freschi in pratica non ne ho mai...quando vado a fare la spesa del giorno????!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. o mamma mia ma è terribile!!!
      ? __ ?
      lo dico sempre io che dovrebbero farci un monumento...

      Elimina
  2. Chi lavora tutto il giorno full time di solito ha qualcuno che l'aiuta nelle faccende domestiche...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sempre.
      Aiuta avere una casa piccola piccola, però, e un papà e marito che fa la sua parte, senza tirarsi indietro, anche se glielo devi chiedere (sarebbe troppo che ci arrivasse da solo, vero??)

      Elimina
    2. un aiuto domestico in certi casi ci vuole.. se uno può permetterselo mi sembra una buonissima idea!
      i mariti sì, dovrebbero dare una mano... bisogna vedere anche loro quanto ci sono a casa.. ma per quel che ci sono almeno devono sparecchiare e mettere a nanna i figli :) per questo sono già attrezzata ;)

      Elimina
    3. Non c'è dubbio, infatti lo cerco ma non trovo nessuno di affidabile che abiti nei dintorni per venire un paio d'ore a settimana...sigh!
      Gli orari di lavoro rigidi sono sempre il problema più grande, comunque.

      Elimina
  3. Allora, io ho la fortuna di avere un orario che corrisponde (salvo casi eccezionali, e ce ne sono...) a quello del nido di Thor, ovviamente senza pausa pranzo.
    Faccende domestiche: no, non ce la faccio, ho un aiuto perchè quando rientriamo a casa (dopo le 17 o giù di lì...) non ce la farei a mettermi a pulire casa, tanto più con il nano stanco e con la mammite e il marito che rientra molto più tardi...
    Piccole incombenze di tutti i giorni: si prova, a volte come mamma Avvocato dice bene si iniziano a fare 4-5 cose in contemporanea...Per esempio, stiro solo quando il nano dorme...
    Sport: al momento l ho sacrificato...vorrei dirti che è a causa della gravidanza, ma in realtà dopo la nascita di Thor non ho mai ricominciato a far nulla...
    Spesa: si abbozza molto di più...
    Mi aiuta molto programmare tutte le incombenze nel weekend, in modo da fare spesa corretta che mi faccia risparmiare le puntatine al super infrasettimanali, ma non sempre ci riesco...

    In bocca al lupo per tutto, vedrai che poi ti trasformerai in una supereroina senza nemmeno rendertene conto...

    RispondiElimina
  4. Settembre è il mese più stressante per le mamme!!! organizzare il ritorno a scuola, le attività sportive o extrascolastiche, le cene e la casa da pulire... aaahhhh. Fino all'anno scorso anche i miei nuoto e io nuoto libero :). Quest'anno non so se ce la farò e il sabato mattina naaaa. Buon inizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il sabato mattina è veramente dura lo so... ma non ci sono altri momenti!! :)

      Elimina
  5. Super mamma...dovebbe essere un po' aiutata da superpapà...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh si... anche super papà però fa orari pazzeschi....

      Elimina
  6. Io ho rinunciato.continuo ad aggiornami per mantenere i'iscrizione all'albo.ma mi sono detta che se sbaglio con i figli perché non ci sono o perché ho poco tempo me ne pentirò per sempre. Tanto vale sbagliare sul lavoro.ai miei figli non intreressa che io sappia fare Tutto e bene.di sicuro interessa che ci sia davvero per loro con loro.la chissa del poco tempo ma di qualità per me o una balla pazzesca.certo non è facile e le rinunce sono tante. Mi rendo anche conto di passare spesso per quella che bellamente sta a casa e non fa niente e si fa mantenere.io so che non è vero. Vedo Tutti i giorni bambini costretti a correre sempre di fretta. Penso sia una delle tante violenze che gli imponiamo oggi. Tornerò a lavorare quando saranno più grandi e autonomi. Mi rendo conto di avere una enorme fortuna. E credo che la più grande fortuna sia la possiblita e il coraggio di fermarsi e scegliere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ognuno fa le scelte che vuole.. se uno se lo può permettere sarebbe bellissimo stare a casa a godersi i figli i primi anni... tu hai fatto benissimo a fare la tua scelta e sei molto fortunata.. tante sognerebbero di fare una scelta come la tua.. altre invece no.
      i figli poi crescono e non hanno più tanto bisogno di mamma.. mentre noi invecchiamo..
      e comunque i miei genitori hanno sempre lavorato duro, e io son venuta su bene e ho un buonissimo ricordo di loro da piccola.. direi ottimo, ringrazio per come mi hanno cresciuta.
      e poi perchè bisogna scegliere? c'è chi sceglie la carriera e non fa figli e c'è chi sceglie i figli e rinuncia alla carriera.. ma perchè bisogna rinunciare a qualcosa?
      io ci provo a fare tutti e due... anche perchè comunque a lavoro ci devo e ci voglio andare...
      ci vorrebbero magari più diritti per le mamme... orari più flessibili.. ma questa è un'altra storia...
      staremo a vedere.. per ora son sempre qua...

      Elimina
  7. anch'io lavoro tutto il giorno....ho una signora che viene a farmi le pulizie una volta a settimana (il venerdi mattina per 4 ore) e non starei piu senza, mi ha cambiato la vita!
    La spesa la faccio quando esco dall'ufficio alle 18, di corsa, con la lista fatta per non perdere tempo e poi vado a prendere Paolo dai nonni di turno...
    Stiro una sera alla settimana e programmo lavatrice e asciugatrice che partano da sole la notte!
    i week end cerco di dedicarli a mio figlio e lasciar perdere la casa, ma come ti dicevo avere una persona che ti aiuta con le pulizie vuol dire già tanto!
    Prima passavo tutti i sabati mattina a portare paolo dai nonni per poi tornare a casa e fare il minimo indispensabile di corsa!
    Io ero stanchissima e paolo sempre in giro!
    a un certo punto ho detto stop e mi sono convinta a prendere qualcuno che mi desse una mano!
    In bocca al lupo per la laurea!

    RispondiElimina
  8. Si impara a far tutto velocemente, con metodo e secondo uno schema fisso a incastro.
    Non pensarci ora....se si realizzerà il tuo segreto...troverai il tuo metodo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si infatti... vedremo! ;) imparerò... sono un ingegnere, mi farò anche un cronoprogramma dei lavori domestici! ;)

      Elimina
  9. Io lavoro dalle 8 alle 16.30, giusto in tempo per andare a prendere il ragazzino a scuola, peraltro in ritardo di almeno venti minuti (ma lui mi aspetta in portineria... non è il solo, ecco). La mattina mi alzo alle sei e riesco a fare i letti, dare una pulita di massima ai bagni; la casa la riassetto la sera, andando a letto con tutto in ordine, i pavimenti spazzati e la polvere tolta; stiro dopo cena, una/due sere la settimana. La spesa la fa mio marito e le pulizie serie (pavimenti, vetri, terrazzi, armadi, piastrelle...) una donna, il mercoledì' mattina. Il week end non voglio abbruttirmi con la sindrome da casalinga, mio marito non lo accetta: posso solo attaccare le lavatrici, cambiare le lenzuola, due volte l'anno le tende, ogni due mesi le fodere bianche dei divani... certo, veramente perfette le cose non sono mai, ma ho dovuto per forza accettarlo.
    Del resto è vero che esco dal lavoro a un'ora decente, ma il ragazzino è impegnativo: ci cono i compiti, le attività extra scolastiche, la cena da preparare.
    Non ho nonni a disposizione, mai, e se non facessi questo orario dovrei per forza avere non solo la donna delle pulizie ma anche la baby sitter.
    Tempo per lo sport in settimana, mai. Del resto, in pausa pranzo io lavoro e dopo come potrei?
    In compenso il week end, non avendo incombenze domestiche, me lo godo: sci in inverno, montagna in estate, bici in autunno e primavera...

    RispondiElimina
  10. Ci si sveglia prima la mattina e alla sera si mettono a letto presto i bimbi, o meglio, uno mette a letto e l'altro mette a posto. Il weekend le faccende di casa e la spesa. A cena i piatti veloci e/o surgelati la fanno da padrone.
    Io ho i nonni che mi aiutano con le bimbe, magari quando torno a casa rimangono un quarto d'ora in più e mi piegano due cose. Non stiro mai. Condivido le priorità con l'uomo di casa, che per qualche anomalia di genere non vede i cassetti vuoti o la polvere, e di solito la sera facciamo qualcosa di non troppo stancante.
    Sport? Mai fatto. Per fare sport ci deve essere qualcuno che tiene i bimbi, e già chiedo che li tengano mentre lavoro, non vorrei chiedere oltre. Anche perché i nonni non sono dietro l'angolo che "molli" i pupi mentre vai in palestra, anzi.
    So che nella mia città organizzano corsi in contemporanea per genitori e figli, tipo nuoto per ragazzi nello stesso orari dell'acquagym, non so quanto sia pratico e cmq i bimbi devono essere grandicelli.
    Fatica, rinunce, priorità. Ma non smetterei mai di lavorare per stare con loro: troppo stancante :)

    RispondiElimina
  11. Che per qualche anomalia di genere non vede i cassetti vuoti o la polvere, e di solito la sera facciamo qualcosa di non troppo stancante.

    RispondiElimina

Lascia il tuo commento! Risponderò al più presto!
Grazie, Mamma Cì