lunedì 21 novembre 2016

di colloqui e richieste

"salve ho una laurea in ingegneria e vorrei trovare un lavoro attinente a quello per cui ho studiato (e per il quale mi sono fatta in 4 sudando e lottando..) però ho anche 2 bambini piccoli e se non chiedo troppo vorrei che nella giornata mi restasse qualche ora per dedicarmi a loro.. arrivando a casa magari un pò prima dell'ora di cena.. tra l'altro mi spettano anche 2 ore di allattamento giornaliere fino a fine gennaio"

" mi dispiace ma a noi serve una persona a tempo pieno, disposta a fare straordinari tutti i giorni e anche a spostarsi in giro per la Toscana."

Non so se sono io che chiedo troppo o se c'è qualcosa che non va. Sembra che per forza io debba rinunciare a qualcosa:
- o a stare coi miei bambini
- o a trovare un lavoro che mi piace

Io non voglio rinunciare a nessuna delle due voci.
Non mi arrenderò e continuerò a cercare. Altrimenti dovrò inventarmi qualcosa.

Sto pensando che dovevo farne un lavoro di questo blog inizialmente... almeno adesso avrei costruito qualcosina chissà.. avendo il tempo di stare anche con la famiglia...però non era semplice questa strada e ci voleva anche fortuna...

Non arrendiamoci.






8 commenti:

  1. Semplice: fai la freelance, o libera professionista che dir si voglia. Negli studi e nelle aziende vogliono l'anima e poi un bel calcio nelle gengive appena non servi più...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si lo so, per questo per ora non sono andata negli studi professionali.... dove lavoravo l'anno scorso (e poi un bel calcio nelle gengive appena non servi più...) almeno uscivo alle 5.30 e alle 6 ero a casa... ci potevo anche stare.. ma appunto per ora non servivo più.. :(
      tu sei architetta???

      Elimina
    2. p.s. ho visto velocissima il tuo blog, se tu vedessi la capanna che ho ristrutturato ti piacerebbe un sacco mi sa ;)

      Elimina
  2. Scusa se mi permetto, ma fare domanda per un lavoro richiedendo tempo libero perchè si hanno 2 bambini è ridicolo. Nessuno decide il proprio orario di lavoro a meno che faccia un mestiere per cui deve organizzarsi il tempo come vuole da solo. Il fatto che siano solo le donne a richiedere più tempo con i figli le scredita. fa sì che si formi il luogo comune della madre che è meglio non assumerla perchè lavorerà meno. In Italia c'è questa idea che i genitori siano uno e mezzo. La madre uno e mezzo il padre. Io ho avuto una bambina a 23 anni, mi sono laureata in giurisprudenza a 24 anni nei tempi quasi giusti (6mesi fuori cosro, ma avevo fatto un periodo all'estero) e di stare in Italia non ci abbiamo neanche pensato perchè già sapevo quali pregiudizi si hanno verso donne giovani con figli. Figuariamoci se mi fossi messa a dire "ehi scusate ho una figlia io vorrei avere più tempo libero"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao elisabetta! innanzitutto grazie e complimenti a te che ce l'hai fatta a fare tutto! forse mi sono espressa male, non è che voglio più tempo libero, semplicemente vorrei trovare qualcosa con un orario che mi permetta anche di fare la mamma, tipo uscire alle 5.30 come nell'azienda dove lavoravo fino a poco tempo fa.. io mi riferivo più che altro agli studi professionali dove si lavora fino a tardi sempre... (oltre le 7..e se c'è da finire qualcosa di importante anche più tardi) comunque lo so che non è facile e sarebbe già tanto trovarsi un lavoro. Comunque quando mi presento a un colloquio non chiedo certo del tempo libero! il post l'ho scritto con ironia per far notare che per noi mamme non è semplice conciliare vita lavorativa e famiglia... a meno che non si sia davvero fortunate! o non si lavori da casa che è un altro discorso! dove vivi?

      Elimina
    2. Ciao, grazie per la tua risposta! Vivo a Bruxelles e prima ho abitato 2 anni a Ginevra. Ho evitato di fare il praticantato proprio per il motivo che dici tu. Troppi pochi gli studi che davano uno stipendio vero, il contratto non esiste quindi possono mandarti via quando vogliono. É a loro discrezione fare un contratto. Alcune mie amiche dovevano seguire una marea di pratiche e lavoravano dalle 8 alle 21 senza che nessuno spiegasse lori nulla. Poi una volta fatto l'esame se lavori per un'azienda o associazioni che non siano studi privati devi toglierti dall'albo. Non potevo sopportare di venir considerata come un animale domestico che decide il proprietario quando e se far riprodurre. Scusa il brutto paragone, ma gente che ti guarda male solo perché hai un figlio/a di 1 anno come fossi una domestica durante la schiavitú americana per me era inaccettabile. Ora il mio curriculum in italia è apprezzato, ma non é stata l'Italia a darmi la possibilità di farmelo.

      Elimina
  3. Eh, difficile ottenere un lavoro dipendente in cui si esca alle 17.30 nel tuo campo e idem in uno studio professionale però non è neppure giusto rinunciare ai figli, che crescono in fretta e, nel corso della vita lavorativa di una mamma, hanno bisogno di più ore con noi per al massimo una decina d'anni. L'ideale sarebbe un part time ma, si sa, è rarissimo!

    RispondiElimina

Lascia il tuo commento! Risponderò al più presto!
Grazie, Mamma Cì