venerdì 7 ottobre 2016

Parto cesareo dopo un parto naturale

Premessa: il parto è una cosa così soggettiva che ogni storia è a se, ogni donna ha le sue sensazioni, emozioni e soglie del dolore, quindi questo è solo il racconto del mio 2° parto (dovrei dire 3° in realtà... perchè una gravidanza era andata male al 5° mese... ma quella è un'altra storia...)

Dunque mentre Dede è nato con un parto naturale tranquillo e veloce (lo raccontai qui) , il piccolo T è nato con un parto cesareo. E non potevo fare diversamente. Verso il 4/5 mese infatti il ginecologo si è accorto che avevo la placenta previa e mi disse che se non risaliva andava fatto il taglio. Io che nemmeno avevo idea di cosa fosse la placenta previa ero un pò perplessa e risposi solo "sì sì ok", poi quando lessi su internet ero anche un pò preoccupata non ve lo nascondo, ma non ci pensavo, pensavo solo che non vedevo l'ora di stringere il piccolo T tra le mie braccia.
Se anche voi non sapete cos'è la placenta previa potete cercarla su qualsiasi sito di gravidanze, per esempio ho trovato questo:
http://www.gravidanzaonline.it/malattie/placenta_previa.htm

lunedì 3 ottobre 2016

Mamma cerca lavoro...

Sono felicissima oggi di scrivere questo post perchè:

- ho aperto il blog e trovato nuovi commenti vostri a vecchi post che mi fanno sempre un sacco piacere
- finalmente ho 5 minutini di tempo per aprire il blog e scrivere!

Il motivo per cui ho trovato tempo per il mio blog è semplicissimo: Dede è a scuola e piccolo T ha iniziato a frequentare l'asilo nido, comunale questa volta, me l'hanno preso perchè essendo il secondo figlio e avendo anche lavorato negli ultimi 24 mesi ho raggiunto il punteggio necessario.. ah e anche perchè l'ho iscritto al tempo lungo (ho saputo che per i piccoli di solito ci sono posti liberi al tempo lungo)...
 e cosa fondamentale purtroppo adesso non lavoro... ho lavorato quest'estate ma poi di nuovo è scaduto il contratto..  stamani sono andata in una scuola, ero stata convocata per una supplenza (sarebbe la mia prima esperienza) ma davanti a me c'erano almeno altri 50 candidati con punti in più che aspiravano a quel posto... mamma mia non credevo proprio di trovare tanta gente..quella è una porta che tengo aperta.. ma la vedo molto dura.. comunque non mi dispiacerebbe affatto fare l'insegnante... sarebbe un lavoro che mi permetterebbe di stare anche con i miei bambini..

Dede che legge una storia al fratellino

Quando leggo i vostri commenti leggo storie di mamme studentesse che si fanno in 4 per riuscire a conciliare famiglia e studio e mi raccontano le loro difficoltà, la mancanza di aiuti, l'organizzazione della giornata, lo sconforto che prende a volte, la voglia di arrivare alla benedetta laurea, la gioia nel trovare il mio blog e leggere che alla fine io ce l'ho fatta e tante altre storie che se avete voglia di leggere le trovate quasi tutte nei commenti a questo post "studiare con un bambino".

Io vi capisco, lo so quanto è difficile, quanto vi sentiate perse a volte, quanto vi sembri lontana la fine, ma vi dico che anche solo per il fatto che ci proviate siete ammirevoli. Certo ci vorrebbero più aiuti: più asili nido o spazi gioco per lasciare i piccoli e permettere di studiare ai genitori, magari anche più appelli per permettere di dare gli esami quando uno è pronto a chi ha anche una famiglia da mandare avanti oltre che studiare, per non parlare di contributi che sarebbero davvero essenziali a volte.

Comunque quando poi avrete finito di studiare e avrete anche trovato un lavoro (cosa non scontata dato che sembra una cosa eccezionale) non è che il tempo libero avanzerà tantissimo.. anzi! sarà peggio di quando eravate a casa a studiare! :) scherzi a parte... in questi mesi che ho lavorato non mi sono mai messa sul divano a guardarmi un film con la copertina se non quelle poche sere che non crollavo dal sonno... forse sarò io che ho poche energie, o forse sarà che avevo troppe cose da fare non lo so, o magari mi organizzo male? sta di fatto che il blog l'avevo completamente lasciato a se stesso.. e pure nei periodi che non lavoravo stando dietro al piccolo T e a Dede mi passavano le giornate che neanche me ne accorgevo... (mettiamoci che in tutti questi mesi da quasi un anno sto seguendo la ristrutturazione della nostra futura casa, quindi anche lì un bel pò di tempo se ne è andato)

Dede nel frattempo ha iniziato la prima elementare, tempo lungo. Ancora non so se ho fatto bene a non fargli fare la "primina" perchè per ora danno pochi compiti e veramente cosine semplici, mentre lui sa già leggere e scrivere e non vede l'ora di fare i compiti... però per adesso è felice ed entusiasta.

Il piccolino invece è veramente un gigantone, ha 8 mesi, è svezzato (io ho finito il mio latte), stanno spuntando adesso due dentini di sotto (gli ho anche preso la collana di ambra nella speranza di non fare nottate ma nelle ultime 2 settimane abbiamo dormito poco). è simpatico, sempre sorridente, non gattona, sta solo seduto e ogni tanto cade da un lato. è buffo. Si è inserito benissimo al nido, sono contenta perchè è in una bellissima struttura, nuova, le tate sono brave ed aggiornate, li portano sempre fuori in giardino..

Li adoro